Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti. Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

ISTITUTO PIA CASA DI MISERICORDIA

La storia

 “I tempi sono tre: Il presente del passato, che è la STORIA; il presente del presente, che è la VISIONE; il presente del futuro, che è L’ATTESA.” (S. Agostino)

L’Istituto “Pia Casa di Misericordia” è un’istituzione illustre per la cittadina della Spezia per la sua centenaria attività nel campo della formazione.

Sorto nel 1882 con finalità educative e assistenziali (scuola per bambine bisognose e orfanotrofio), negli ultimi decenni del secolo scorso si è dedicato alla formazione ricoprendo un ruolo educativo dalla Scuola Materna all’Istituto Magistrale. Oggi espleta il suo servizio attraverso la Sezione Primavera, la Scuola dell’Infanzia e la Scuola Primaria.

I differenti gradi di istruzione si sono sviluppati progressivamente in un ampio arco di tempo:

 

-Nel 1889 furono costituite una Scuola Complementare e una Scuola Normale; nel 1911 la Scuola Normale fu trasformata in Corso Superiore di cultura e nel 1928, a seguito della riforma Gentile, entrambi i corsi furono sostituiti dalla Scuola Ginnasiale.

-Nel 1935 vennero aperte la Scuola Materna e quella Elementare, quest’ultima frequentata da alunne sia interne all’orfanotrofio sia esterne.

Nel 1940 La Scuola Media iniziò la sua attività . La prima classe ottenne il riconoscimento legale con il D.M del 13/08/1941 (Ministro Bottai); la seconda classe con il D.M. del 16/06/1942 (Ministro Bottai); la terza classe con il D.M. del 14/06/1946 (Ministro Marassa).  

OGGI: RADICI NELLA TRADIZIONE, PER VIVERE IL PRESENTE GUARDANDO AL FUTURO

Attualmente non è presente più alcuna classe di Scuola Secondaria di I grado all’interno del nostro Istituto. I servizi attivi riguardano la Sezione Primavera, la Scuola dell’Infanzia e la Scuola Primaria.

Oltre cento anni spesi a servizio dell’educazione e dell’istruzione rappresentano il solido fondamento dell’attuale Istituto.

Nel corso delle molteplici esperienze didattiche si sono susseguite riforme e profondi mutamenti socio-culturali che hanno visto tutti gli insegnanti, sia religiosi sia laici, collaborare in un clima di confronto dialogico ed esperienziale alla fondazione e ai successivi assestamenti dei diversi gradi scolastici. Operando con responsabilità, professionalità  e senso civico, in una realtà spesso difficile da gestire, sono riusciti, soprattutto negli ultimi vent’anni, a ridisegnare il volto e la missione formativa della scuola in modo funzionale e sempre più rispondente alle esigenze della nuova realtà.

Dopo aver affidato per diversi anni la gestione della scuola a diverse cooperative ed enti, dal 1 settembre 2020 la Scuola è tornata alle Figlie della Carità. 

La scuola, oggi più che mai, è chiamata ad una missione formativa impegnativa, incentrata sui valori della democrazia, del confronto dialogico e costruttivo tra scuola, famiglia e società, nel rispetto consapevole di tutte le pluralità e  perseguendo la crescita personale e culturale di ciascun individuo nella sua interezza ed unicità.

È questa la sfida del nuovo millennio messa in luce dal CONSIGLIO EUROPEO DI LISBONA e delineata nella successiva RELAZIONE SUGLI OBIETTIVI CONCRETI FUTURI DEI SISTEMI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE, il cui obiettivo è la realizzazione di un progetto di riforma globale delle politiche nazionali degli Stati Comunitari nel campo dell’istruzione, al fine di sviluppare in ogni cittadino dell’Unione quei presupposti culturali ed attitudinali ritenuti fondamentali per l’esercizio consapevole di una cittadinanza attiva, nell’ottica di un’appartenenza globale, non solo europea ma addirittura mondiale. La scuola deve pertanto formare i futuri cittadini mondiali in stretta relazione con l’evoluzione sociale, economica e culturale del suo tempo.

Il MIUR, con distinti decreti, ha riconosciuto ai sensi della L. 62/2000 ai vari ordini di scuola componenti il nostro Istituto lo status di SCUOLA PARITARIA. Tale riconoscimento inserisce la nostra istituzione scolastica nell’ambito del sistema scolastico nazionale e le attribuisce una funzione pubblica all’interno del sistema sociale.